All Posts By

Veronica

Places

TABIAT BRIDGE: il ponte pedonale più lungo di Teheran

luglio 31, 2018
TABIAT

Nel 2014, dopo due anni di lavori, l’inaugurazione del Tabiat Bridge è stata sicuramente un momento per festeggiare. Il Tabiat è il ponte pedonale più lungo di Teheran, collega due grandi parchi a nord della città ed è stato pensato per superare la grande autostrada che divide le due aree.

Risultati immagini per TABIAT BRIDGE

Un progetto rilevante per la capitale iraniana, disegnato dallo studio di architettura Diba Tensile Architecture. I due fondatori dello studio, Leila Araghian e Alireza Behzadi, volevano creare un luogo dove ritrovarsi, dove condividere il tempo libero e rendere il ponte uno spazio da vivere.

Il ponte pedonale collega Abo-Atash Park e Taleghani Park, nella zona Abbas Abad Lands. Le due aree sono divise da un’autostrada e il Tabiat Bridge le connette creando una continuità importante e necessaria per la zona.

Immagine correlata

La bellissima infrastruttura regalata alla città, è composta da 2.000 tonnellate di acciaio e 10.000 metri cubi di cemento. Il ponte ha una struttura curva che si compone di tre livelli collegati da scale, ci sono panchine, aiuole, bar e ristoranti. Al piano più alto è possibile godersi panorami mozzafiato sulla città o sui monti Elburz.

Risultati immagini per TABIAT BRIDGE

Natura e tecnologia si sposano perfettamente nel Tabiat, parola che in farsi significa proprio “natura”. Come nella filosofia UrbaNature di Lumberjack lo stile urbano si intreccia alla natura per creare qualcosa di nuovo, il ponte pedonale lungo 270 metri  è vissuto dai cittadini come luogo di ritrovo, esattamente come volevano i suoi creatori, ed è diventato pura estensione dei due parchi.

Credits: www.floornature.it

Places

TREEHOTEL: le case sugli alberi svedesi

luglio 2, 2018
TREEHOTEL3

Per gli amanti della natura, per chi ha bisogno di relax  e per chi è alla continua ricerca di nuove avventure esiste un luogo perfetto dove prenotare le ferie. Un hotel nella Lapponia svedese composto da cinque casette sull’albero, tutte diverse tra loro, in mezzo alla foresta boreale.

Risultati immagini per treehotel harads

L’hotel si trova nel nord della Svezia vicino alla città di Harads e non lontano dal Circolo Polare Artico. Ogni casetta sull’albero che compone l’area è stata disegnata e arredata da diversi architetti e designers scandinavi che si sono sbizzarriti per dare vita ad un hotel imperdibile. Un posto che soddisferà da un lato la vostra voglia di avventura e dall’altro la nostalgia della vostra vecchia casa sull’albero.

Risultati immagini per treehotel harads

Ogni casetta è caratterizzata da forme e materiali differenti, per questo motivo ognuna di loro ha un nome specifico: Bird’s Nest, Blue Cone, Cabina, Mirror Cube e Ufo. Sono tutte sospese da terra ad un’altezza fra i quattro e i sei metri, hanno servizi igienici eco-compatibili, una zona diurna e una notturna. Inoltre è presente una sauna alimentata a legna, sempre fra gli alberi centenari della foresta svedese.

Risultati immagini per treehotel harads

In aggiunta alla bellezza del luogo e alla ricercatezza architettonica ci sono i valori ecologici che stanno alla base della progettualità di Kent Linduall e di Britta Jonsson-Linduall, ideatori del Tree Hotel. Sono partiti dal desiderio di salvare una foresta a rischio abbattimento e hanno riversato in questa area verde tutti i loro ideali green come l’assunzione di uno stile di vita alternativo e il fondamentale rapporto di rispetto che l’uomo deve instaurare con la natura per poterci vivere senza distruggerla.

 

Credits: www.tuttogreen.it

Places

PONTI VERDI: le eco-strutture per gli animali

giugno 7, 2018
PONTI ANIMALI1

Avete mai pensato a quali conseguenze subisce la natura quando una nuova grande infrastruttura viene costruita?

La costruzione di una nuova strada, o di una qualsiasi altra struttura artificiale di grande portata, ha un enorme impatto sull’ambiente in cui nasce e fra gli effetti collaterali da tenere conto c’è anche quello sulla fauna locale. Un habitat naturale tagliato in due da una superstrada, ad esempio, ha forti conseguenze sugli animali selvatici. Prima di tutto il contatto fra veicoli e animali spesso provoca la morte di quest’ultimi, inoltre la barriera artificiale rende difficile procurarsi cibo e acqua per moltissime specie e diminuisce drasticamente le possibilità di riproduzione e, di conseguenza, la diversità genetica.

Risultati immagini per ponti verdi

Le barriere sono sempre esistite, per alcuni animali infatti può esserlo anche un corso d’acqua. Ma l’uomo ha aumentato fortemente le interruzioni territoriali, che sul lungo periodo possono portare addirittura all’estinzione di alcuni animali. Tali infrastrutture hanno effetti anche immediati, ad esempio possono tagliare in due il percorso di una migrazione stagionale e quindi portare grossi problemi alla specie animale abituata a seguire sempre lo stesso tragitto.

Per sopperire a questo problema esistono delle strutture costruite appositamente ed unicamente per gli animali. Sono ponti, cavalcavia, sottopassi o tunnel ricoperti di terra e vegetazione, che permettono alla fauna locale di attraversare tranquillamente l’infrastruttura artificiale che altrimenti sarebbe stata un ostacolo. Ed il passaggio degli esseri umani su queste strutture verdi è vietato ed eventualmente multato.

Risultati immagini per PONTI ANIMALI

Alcuni esempi di tali opere si trovano in Canada, Australia, Paesi Bassi, Germania e anche in Italia: nel Banff National Park (Canada) troviamo una quarantina di strutture costruite per il superamento di una sola strada a quattro corsie molto trafficata; in Australia nell’Isola di Natale esiste un cavalcavia per la migrazione dei granchi rossi dall’entroterra verso il mare e nei Paesi Basi troviamo il ponte verde più lungo in assoluto, circa mezzo miglio unicamente dedicato alla fauna selvatica.

Immagine correlata

I ponti per gli animali sono apparsi per la prima volta in Francia intorno alla metà degli anni 50. Alcuni anni fa grazie ad una campagna di sensibilizzazione e ad una raccolta fondi organizzate dalla guardia forestale Gerhard Klesen, è stato costruito un ponte per soli animali a Schermbeck in Germania. Il primo ospite di questo ponte è stato un cinghiale che ha attraversato la struttura verde costruita appositamente per permettergli di superare la strada che taglia in due il suo habitat naturale. Gli altri animali che lo utilizzano sono volpi, lepri e pipistrelli. Inoltre la Germania ha in programma di costruire altre 100 strutture simili nel prossimo decennio.

Immagine correlata

In Italia la regione con più strutture verdi è il Friuli Venezia Giulia: nel suo territorio sono presenti 4 ponti verdi lunghi fino a 800 metri, 4 tunnel sotterranei e 50 sottopassi. Ogni opera è pensata appositamente per la fauna del luogo e per le sue necessità, grazie a progetti come questi si salvano moltissimi animali e diminuisce l’impatto ambientale dell’infrastruttura artificiale su di essi.

 

Credits: www.greenme.it