Culture Future Social

A ROMA UNO STREETARTIST URBANATURE /

ottobre 9, 2017
immagine 1

A Roma i tronchi degli alberi morti agli angoli delle strade tornano a vivere grazie al progetto di un giovane liceale che da qualche tempo scolpisce le superfici nodose dei ceppi.

immagine 2

Agli occhi più attenti infatti non è sfuggito che negli ultimi mesi alcuni di questi hanno preso vita, assumendo volti ed espressioni vivamente umane. Da Viale Trastevere fino a Piazza Largo Ravizza le strade della capitale sono state invase da questi capolavori di recupero che non solo colpiscono per l’originalità del lavoro, ma anche e soprattutto perché a realizzarli è un giovane artista appena maggiorenne.

Andrea Gandini

Si chiama Andrea Gandini, ha 18 anni e frequenta l’ultimo anno del Liceo Artistico. Da qualche tempo, armato di scalpello e mazzuolo, gira la città in cerca di tronchi morti da riportare in vita, scolpendo sulle superfici nodose volti, lineamenti umani, quasi a ricreare dei moderni totem.

“Per ogni albero tagliato bisognerebbe piantarne un altro, ma mi rendo conto che non sempre questo sia possibile” spiega Andrea. Ma a volte non è nemmeno accettabile per un artista vedere materiale pregiato e costoso abbandonato a se stesso, sotto le intemperie e destinato a morire.

immagine n4

Così ha pensato di recuperare il legno facendone un veicolo per esercitare la mano e regalare a Roma un nuovo concetto di street art, che ha un’ anima eco ma anche social, perchè invita alla partecipazione. Sebbene infatti le strade della capitale siano piene di tronchi mozzi, Andrea è sempre a caccia di “nuove tele” da scolpire: se vi piace il suo progetto, potete seguirlo su Facebook  e aiutarlo segnalandogli eventuali tronchi in giro per la città!

immagine 5

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply